Wednesday, 23 March 2011

The Face: Gian Maria Volontè




Gian Maria Volonté (Milano, 9.04.1933 – Florina, 6.12.1994) è stato un attore italiano. Considerato uno dei più grandi attori cinematografici e teatrali italiani del suo tempo, versatile e incisivo, Volonté è ricordato per la presenza magnetica e la recitazione matura, ma non priva di accenti aggressivi e istrionici. Ottenuta fama internazionale interpretando il ruolo del "cattivo" negli spaghetti western di Sergio Leone, divenne l'attore-simbolo del cinema d'impegno civile italiano, dando vita a eccellenti ritratti di personaggi "illustri", tratti dalla storia e dalla letteratura, o legati all'attualità più o meno recente.

Gian Maria Volontè

10 comments:

Tarkus said...

Un Grazie ad Andrea B. per l'illuminazione.

Alberto Galletti said...

Ha ha vero, gli piace un sacco.
Era un introverso, come i genovesi

Tarkus said...

Nonostante fosse un vero artista, un gigante aasoluto, uno dei migliori in assoluto, anche lui una sfeega l'ha avuta...
un figlio idiota!

Andrea B. said...

la foto mi pare Indagine su un cittadino....

carattere schivo e incazzoso

quando faceva il suo lavoro si immedesimava nel personaggio, studiava parecchio era ossessionato dai suoi personaggi, un maniaco un pò come i collezionisti di musica ah ahaha

In "Banditi a Milano" interpreta Pietro Cavallero e parla con accento piemontese così come in Sacco e Vanzetti l'inflessione è piemontese perchè Bart Vanzetti era della provincia di Cuneo.

E' stato un gigante del nostro cinema, non ricordo se ottenne riconoscimenti internazionali ma temo di no perchè era comunista o forse anarco-libertario e quindi...

fece espatriare Oreste Scalzone in Francia dopo le persecuzioni del 7 aprile circa la banda armata e le BR, dalla Corsica.

Moro l'ho interpretò in due occasioni che sono da pelle d'oca: Todo Modo e ostaggio delle BR

se fosse nato a New York sarebbe nel Phanteon del Cinema

Andrea B. said...

scusate la grammatica...

Alberto Galletti said...

"Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto" ho la colonna sonora, bella. Mi ero poi sempre riproposto di guardare il film, ma non l'ho mai fatto. Sono troppo occupato ad ascoltare la musica.

Tarkus said...

Grazie Andrea.
Secondo me la seconda che hai detto, anarco-libertario. La sua più bella INTERpretazione? Secondo me ne "la classe operaia va in paradiso" (-un pezzo, un culo, un pezzo, un culo-).

Davide said...

A me piacque moltissimo in 'Il caso Mattei'

Andrea B. said...

Gran bel film Dave

anche in "Sbatti il mostro in prima pagina" non scherza... nella scena iniziale c'è un comizio di fascisti in presa diretta con un giovane La Russa...

Tarkus said...

..azz! quello fu cinema-verité!
Ignazio La rissa già fascista e nel contempo capellone!